L’intestino viene definito il nostro secondo cervello, lavora in modo autonomo e ha un ruolo fondamentale nel segnalare gioia e dolore. Proprio l’intestino produce circa il 95% della serotonina del nostro corpo (ovvero il neurotrasmettitore del “benessere”) a seguito di stimoli esterni, come suoni, colori, cibo, ma anche emozioni e abitudini. La quantità di messaggi che il cervello addominale invia a quello centrale è pari al 90% dello scambio totale. Per la maggior parte si tratta di messaggi inconsci che percepiamo solo quando diventano segnali di allarme e scatenano reazioni di malessere.
Stress e ansia, dunque, pesano sull’intestino e ne alterano il funzionamento, così come dieta e disordini intestinali a loro volta, sono responsabili di variazioni dell’umore.
Nei paesi ad economia avanzata viene stimata una prevalenza di sindrome del colon irritabile nel 10-20% della popolazione nel suo complesso. Si tratta di un disordine funzionale gastrointestinale caratterizzato da dolore addominale ed alterazione dell’attività intestinale. I sintomi più comuni sono stitichezza o diarrea, dolore e crampi addominali, gonfiore, flatulenza. Se pensi di soffrire di colite è il momento di effettuare un test e ricevere consigli da parte di un nostro consulente su come affrontare il problema.

DURATA MEDIA DELLA CONSULENZA: 20 minuti

COSTO DELLA CONSULENZA: Gratuita

Contattaci per maggiori informazioni

Autorizzo il trattamento dei miei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03